5 idee sbagliate su #ITIL – parte 3

ITIL è l’approccio all’ IT Service Management più riconosciuto al mondo. ITIL può aiutare le organizzazioni a migliorare la loro produttività, efficienza ed efficacia e ad essere al passo con il cambiamento.

Ma ci sono alcuni falsi miti riguardanti il framework che AXELOS ha deciso di evidenziare e sfatare e che abbiamo pensato di tradurre in italiano per aiutarvi a comprendere al meglio ed affrontare quelle che possono essere le sfide comuni che si incontrano adottando ITIL. I membri della community di Axelos hanno deciso di condividere le loro storie, descrivendo quali sono state le sfide che hanno dovuto affrontare e le idee sbagliate con le quali si son dovuti scontrare quando hanno deciso di utilizzare il framework.

IDEA SBAGLIATA NUMERO 3: ITIL è incompatibile con altre pratiche

itil misconception 3

In molti pensano che ITIL stia perdendo forza a causa di Cloud, Agile e DevOps. Si pensa che queste pratiche non siano in linea con il modo con il quale le organizzazioni hanno adottato ITIL in passato.

Questa idea sbagliata è spesso accompagnata dalla ricerca di una soluzione miracolosa – un framework o una metodologia che dia risposta a tutte le domande, che non richieda cambiamenti nel modo di lavorare e che non richieda guide aggiuntive. Spesso le organizzazioni che seguono questo approccio “uno o niente” sono resistenti al cambiamento.

Ma lean, Agile e DevOps hanno bisogno di ITIL per essere implementate, supportate e migliorate. L’ IT Service Mangement (ITSM) è l’unica practice che affronta la questione del miglioramento continuo e questo implica ITIL.

Perché allora esiste la misconception su ITIL?

Di seguito il parere di Daniel BrestonBusiness Technology Transitionologist di Ranger4

ITIL e COBIT sono spesso visti come framework “pesanti” che richiedono di essere adottate in maniera rigida quando, in realtà, sono adattabili. C’è anche l’idea sbagliata che ITIL sia legato alle operation, che tratti solo il lato supporto IT e non coinvolga strategia, realizzazione, miglioramento del business e focus sul cliente.

Alcuni vedono l’approccio di ITIL al CSI troppo orientato ai processi e non riconoscono che le key metric aiutino a lavorare meglio, più velocemente e in maniera più sicura.

Invece DevOps è considerato come snello, funzionale e agile; le conferenze DevOps sono considerate cool, con ottimi speaker. Ma spesso ci si dimentica che DevOps si basa su ITIL. Non si può adottare DevOps senza il service management.

Anche per quanto riguarda Agile, la gente spesso non vede ITIL di buon occhio. L’idea sbagliata è che, con ITIL, una stessa persona non possa assumere due ruoli, come ad esempio codificare e/o verificare. Ma in realtà ITIL non dice che i due ruoli debbano essere assunti da due persone diverse – è l’organizzazione che deve scegliere. Una persona può avere più di un ruolo, e le sue responsabilità dipendono dalla combinazione dei ruoli. Codificare e testare implicano diverse responsabilità, ma una persona può tranquillamente assumere entrambi i ruoli. Gli Agile Practitioner, facendo riferimento ai temi dell’ITIL guidance sui temi della ITIL guidance dovrebbe riconoscere che ITIL non è assolutamente restrittiva.

ITIL e le altre pratiche sono compatibili ed ecco i motivi:

ITIL e Agile:

  • ITIL è facile da usare in Kanban e perfetto da integrare con Agile per creare processi rilevanti
  • inserisci il tipico flusso di lavoro ITIL (prodotti, aggiornamenti, aggiornamenti tecnici e fissare ciò che non funziona) in una lavagna kanban/scrum e suddividili in base ai passaggi chiave per ogni fase
  • decidi chi farà cosa, come e perchè
  • assegna ad ogni attività le persone da coinvolgere al livello di business
  • inizia a gestire il flusso di lavoro e rendi le tue persone più veloci e sicure

ITIL e DevOps:

  • DevOps ha bisogno di ITIL: senza le pratiche di IT service management come puoi supportare quello che stai creando?
  • solo perché inserisci i dati nel cloud non vuol dire che tu non possa utilizzare un data centre sul quale contare. Quindi, ad un certo punto, starai “facendo IT”
  • Puoi focalizzarti sul creare prodotti, ma ricorda che i prodotti implicano processi e hai bisogno di realizzare i prodotti senza danneggiare l’organizzazione

Con ITIL puoi lavorare meglio, in maniera più sicura e veloce.

E voi? Quali sono le idee sbagliate su ITIL che avete affrontato? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti!

Prossimo venerdì: Idea Sbagliata numero 4: ITIL è solo per infrastrutture o per gestire servizi già in produzione.

Hai perso i primi due articoli? Scopri perché ITIL non è uno standard e non è solo per grandi aziende su: 5 idee sbagliate su ITIL – parte 1: ITIL è uno standard e 5 idee sbagliate su ITIL – parte 2: ITIL è solo per grandi aziende 

Vuoi leggere il post originale sul blog di Axelos? Segui questo link: ITIL Misconceptions: “ITIL is incompatible with other practices.” by Daniel Breston

2 pensieri su “5 idee sbagliate su #ITIL – parte 3

  1. Pingback: 5 idee sbagliate su #ITIL – parte 4 | QRP International

  2. Pingback: 5 idee sbagliate su #ITIL – parte 5 | QRP International

I commenti sono chiusi.